Condividi su facebook
Condividi su telegram
Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Future Vintage
kraftwerk computer world
Future Vintage

Kraftwerk, i tedeschi che in inglese anticiparono la techno

Breve storia di un gruppo seminale ormai dimenticato che cantava anche in italiano

Di cosa stiamo parlando?

Ormai quasi dimenticati dai più, i Kraftwerk (in italiano ‘centrale elettrica’) sono in realtà tra i gruppi più influenti di sempre della scena elettronica e per la musica pop in generale: senza di loro, difficilmente gli anni ’80 sarebbero stati ricordati come il decennio delle tastiere e dei sintetizzatori. La loro discografia ‘classica’, collocata tra 1970 e 1981 (o 1986, se si vuole considerare anche ‘Electric Cafè’, per me un album minore) rappresenta appieno l’evoluzione della musica elettronica in termini di percezione per il grande pubblico.

kraftwerk 1976
I Kraftwerk in un’immagine di repertorio (1976)

Gli anni del ‘krautrock’

Lo zoccolo duro della formazione è composto da Ralf Hütter e Florian Schneider, studenti del conservatorio di Düsseldorf. La scena musica dell’epoca in Germania è quanto mai vibrante e stimolante: il ‘krautrock’, un genere musicale eclettico che riunisce in sé rock progressivo, musica cosmica e strutture libere tipiche del jazz, viene portato al successo artistico da diversi gruppi come Amon Düül (e Amon Düül II), Can e Faust. Vale la pena menzionare anche i Neu!, un duo di ex membri proprio dei Kraftwerk. Gli album prodotti in questo periodo (‘Kraftwerk’, ‘Kraftwerk 2’ e ‘Ralf & Florian‘), tutti registrati tra 1970 e 1973, cacofonici e aperti ad ogni tipo di sperimentazione, sono figli di questo ambiente culturale all’avanguardia.

La svolta commerciale

Autobahn’, uscito nel 1974, sembra un album ben distante da ciò che definiremmo oggi commerciale: la prima facciata del vinile è occupata dalla titletrack, una suite di quasi 23 minuti, mentre il secondo lato è composto da brani di lunghezza standard, tutto sommato dei riempitivi. La suite in realtà presenta pochi passaggi cacofonici e ‘intensi’ come i brani dei primi album, e alla fine dei conti non è altro che una canzone canonica allungata e ripetuta all’inverosimile, ma comunque apprezzabilissima.

Sulla stessa linea continua ‘Radioactivity’, uscito un anno dopo e contenente brani ormai di lunghezza canonica su cui spiccano la titletrack, uscita come singolo, e ‘Antenna’, un’ode alle tele-comunicazioni.

Wir fahren, fahren, fahren auf der Autobahn

Wir fahren, fahren, fahren auf der Autobahn

Vor uns liegt ein weites Tal

Die Sonne scheint mit Glitzerstrahl

Guidiamo, guidiamo, guidiamo in autostrada

Guidiamo, guidiamo, guidiamo in autostrada

C’è una vallata davanti a noi

Il sole splende con i suoi raggi scintillanti

Kraftwerk, ‘Autobahn’

La definitiva consacrazione

I Kraftwerk meriterebbero già di essere ricordati per questa parte della loro carriera, ma il loro capolavoro resta probabilmente la trilogia formata da ‘Trans Europe Express’, ‘The Man-Machine’ e ‘Computer World’. Il primo è il loro album più sinfonico, malgrado le sonorità elettroniche siano in diversi passaggi quasi martellanti (a simulare il rumore di un treno sulle rotaie), ed è l’ennesima lode al progresso tecnologico che avvicina le persone e rende più facili e veloci gli spostamenti.

The Man-Machine’, uscito in piena era punk nel 1978, è il loro album dalle sonorità più industriali e resta impresso per la sua celebre copertina, in cui i membri del gruppo sfoggiano la loro divisa formata da camicia rossa e cravatta nera con tanto di led: l’opener, ‘The Robots’, resta un magnifico esempio di elettronica minimalista.

kraftwerk live the robots
I Kraftwerk live e le loro celebri divise

Dall’analogico al digitale

Chiude la trilogia ‘Computer World’, album del 1981 decisamente più pop, quasi da camera in certi suggerimenti (basti pensare alla delicatissima ‘Computer Love’, poi presa in prestito dai Coldplay di ‘Talk’) ma che riesce comunque ad anticipare generi come la techno in ‘Numbers’. L’album simboleggia anche il passaggio dal mondo analogico, fisico e materiale, a quello digitale, astratto e dominato da computer e sofisticati software di calcolo: le sonorità qui sono più sintetiche che mai, molto lontane dal suono tutto sommato caldo e corposo degli album precedenti.

kraftwerk live rome
I Kraftwerk dal vivo al Parco Auditorium della Musica di Roma (14 luglio 2014)

Il culto della tecnologia

L’immagine dei Kraftwerk come gruppo di musica elettronica, e quindi moderna e all’avanguardia, li ha senz’altro spinti ad abbracciare la tecnologia in ogni sua forma. Già dai suoi esordi, il gruppo faceva uso di sintetizzatori, strumenti piuttosto sofisticati per i primi anni ’70, e nel tempo sviluppò dei veri e propri strumenti elettronici amatoriali, come delle rudimentali percussioni elettroniche su pad circondati dalla stagnola (visibili qui). Per un gruppo così freddo e asettico all’apparenza, il richiamo al mondo della robotica è ovvio: nel video promozionale di ‘The Robots’, i membri del gruppo si muovono a scatti proprio come dei robot e sono spesso sostituiti da manichini, una scelta stilistica che hanno adottato in diversi loro concerti.

kraftwerk the robots live

Una questione di lingua

I Kraftwerk sono tra i pochi gruppi ad avere inciso in più lingue pressoché tutta la loro discografia più nota. La versione considerata più canonica è senz’altro quella in inglese, per il mercato internazionale, ma meritano anche le versioni in tedesco di alcuni loro brani: la lingua tedesca aggiunge spigolosità e durezza ad un album dalle sonorità già dure come ‘The Man-Machine’, provare per credere. Una chicca che molti non sanno è che i Kraftwerk cantarono in italianoPocket Calculator’ da ‘Computer World’ per il programma Discoring (una sorta di Top of The Pops all’italiana) durante la promozione del disco, ed è tipico che la ripropongano ai loro concerti in Italia.

kraftwerk discography
Il catalogo 1974-2003 rimasterizzato nel 2009
Riproduzione Riservata ®
Ti piace questo articolo?
Condividilo!
Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter

Potrebbe interessarti anche

Dress Code

Elvis il più imitato, anche nell’iconica Varsity Jacket

Musiculture

L’automazione fra monaci, carillon e Leonardo Da Vinci

L'antitesi

Sfera Ebbasta? Era un idolo. Ma perché ascoltarlo oggi?

Sogni D'oro

Sogni ricorrenti: il conto delle questioni irrisolte

Future Vintage

The Smiths, Margaret e la ghigliottina

Mixtape

1000 articoli su ‘Flop’, ma chi ci capisce di musica?

Recensioni
Brani consigliati

Altri autori

error: Content is protected !!
newsletter banner

Non perderti neanche un articolo!

Richiedi subito l’iscrizione alla nostra newsletter per ricevere gratis la rassegna settimanale dei migliori contenuti!

UNISCITI

al nostro canale Telegram

Where_Magic_Happens

Articoli in tempo reale e contenuti in esclusiva!